Search
× Search
giovedì 13 giugno 2024

Le nostre pubblicazioni di settore

Studi e ricerche giuridiche, economiche e sociologiche riguardanti il settore dell'ospedalità privata. In alcuni casi i documenti completi richiedono la login al sito.


Lombardia

Health in Lombardy
6640

Health in Lombardy

Health system and hospital activity between 2003 and 2008

Health system and hospital activity between 2003 and 2008

During the thirty-year troubled background of the Italian National Health Service (Ssn) which was introduced by Law no. 833 of December 23, 1978, with the intent of applying the British health system known as “Beveridge model” to our country, Lombardy has set up an innovation with regional Law no. 31 of July 11, 1997 which for many reasons is quite radical.
In fact, by integrating the main principles of universality and solidarity at the foundation of the Ssn with those of subsidiarity and freedom of choice, the Lombard healthcare reform has shown a new approach to relations between the citizen-user and the health system and to relations between the government (state/region) and the network of operators (Asl and public and private hospitals).
This new concept, which, amongst other things faces the problem of the conflict of interest introduced by the Italian health system with Law 833/78 and present in all other regions, has led Lombardy to promote an open and pluralistic healthcare model where the typical programmed centralism of the Beveridge type models was surpassed or even largely mitigated by the introduction of tools which granted greater decisional power, at least partially, to the citizen-patient, thus limiting the political discretionary power and the weight of organizational bureaucracy.
The success of the Lombard model, which is expressed in quality and economic efficiency, is documented by the consistent amount of data and processing which make up the second half of the report.
In the first half of the report, after analyzing the original approach of the Lombard health system and the especially significant evolution of hospital activities in the period between 2003 and 2008, the delicate problem of transferring the experience to other regions was faced.
A problem which confronts autonomy, the local characteristics and the different political stances of the Italian regions. However these regions, due to the twofold problem of the world economic crisis and the beginning of fiscal federalism, will not be able to ignore the need to launch amendments to their health systems to reach full efficiency and quality.

 

Gabriele Pelissero is Full Professor of Hygiene and Healthcare Organization at the Faculty of Medicine and Surgery at Pavia University. Author of two treatises and of more than 200 scientific publications on multiple aspects of preventive medicine and epidemiology; over the past twenty years he has mainly been in charge of healthcare organization, programming and management. He is Executive Vice President of the Hospital Group San Donato and Scientific Manager of IRCCS San Donato Polyclinic. He is committed to promote the scientific institutes in his own disciplinary sector and is also national Vice President of Aiop (Italian association of private hospitals), President of Aiop Lombardy and Vice President of Assolombarda Sanità. He is part of the Technical Secretariat of the Lombard Regional Health Council.
 

Previous Article Analisi del sistema di finanziamento della ricerca sanitaria in Italia
Next Article Il sistema sanitario della Lombardia

Nazionale

Servizio sanitario nazionale: destinazione futuro Read more

Servizio sanitario nazionale: destinazione futuro

Esattamente 40 anni fa, con la legge n. 833 del 23 dicembre del 1978, nasceva il Servizio sanitario nazionale (Ssn), grazie al quale si è reso concreto e operativo il principio dell’universalità dell’accesso alle cure.  Oggi, di fronte alla sfida universale della sostenibilità dei sistemi sanitari rispetto alle pressioni provenienti dall’aumento di costi, dalla crescente differenziazione professionale e organizzativa e, ovviamente, dell’aspettativa di salute da parte di una medicina sempre più tecnologica, bisogna re-immaginare il nostro Ssn a invarianza di valori e obiettivi.

L’evoluzione delle modalità di finanziamento dei sistemi sanitari nazionali Read more

L’evoluzione delle modalità di finanziamento dei sistemi sanitari nazionali

Il tema del finanziamento della sanità in Italia costituisce un aspetto centrale delle problematiche connesse alle esigenze di tutela della salute. È d’immediata evidenza, lo stretto legame tra l’effettività del diritto alla tutela della salute e le risorse disponibili e investite per renderlo sostenibile. Per di più, considerato che la spesa sanitaria costituisce di gran lunga la più importante delle voci di spesa regionale in Italia, la questione del finanziamento del Servizio Sanitario Nazionale (SSN) si lega alle esigenze di contenimento della spesa pubblica e alle istanze del federalismo fiscale, in Italia così come negli altri Paesi dell’Occidente.

Legge Gelli Bianco: "L'inciampo va riconosciuto  perché conduca alla saggezza" Read more

Legge Gelli Bianco: "L'inciampo va riconosciuto perché conduca alla saggezza"

In Italia nel 2015 le infezioni ospedaliere causano ogni anno più vittime degli incidenti stradali: tra 4.500 e 7mila decessi contro 3.419 vittime della strada. La gestione delle infezioni ospedaliere rappresenta una vera sfida per le strutture ospedaliere e per i professionisti che vi operano. Tale sfida deve essere accolta da tutti organizzandosi ed adottando le “misure di prevenzione delle infezioni indicate dalla migliore scienza medica”.Il nostro lavoro vuole mettere a fattor comune alcune riflessioni ed esperienze nella speranza di poter contribuire a modo nostro a questo sfidante obiettivo.

 
Legge Gelli-Bianco Read more

Legge Gelli-Bianco

Nonostante le molte ombre e perplessità applicative, la Legge viene a determinare nuovi adempimenti per le strutture sanitarie e socio-sanitarie associate ad AIOP. Tra tutti gli adempimenti il principale sarà l’adozione di un modello organizzativo volto a prevenire a monte quei rischi, prevedibili e prevenibili, che in qualche misura potranno incidere sulla erogazione delle prestazioni sanitarie e socio-sanitarie. Al fine di fornire un valido supporto alle strutture che dovranno contribuire all’attuazione della Legge, AIOP ha predisposto un breve disamina delle rilevanti novità dell’intera disciplina. Il contributo che segue è stato realizzato avendo come punto di partenza un’unica certezza: si tratta di un testo che sarà integrato progressivamente sia dai decreti attuativi previsti dalla Legge stessa sia dalla Giurisprudenza che sarà chiamata a riscrivere lo statuto della responsabilità civile e penale.

Risk Management Read more

Risk Management

Il tema del risk management o gestione del rischio in Sanità è non di rado assimilato, se non scambiato integralmente, con temi pure importanti e ad esso connessi ma non sovrapponibili quali responsabilità del professionista e della struttura, danno e risarcimento. Il risk management è in realtà cosa diversa: in una parola, si tratta di prevenzione (del danno).  Vero è, come ha inteso lo psicologo statunitense Jonathan Haidt in un altro contesto, che “la coda emozionale muove il cane razionale”. Tuttavia, la possibilità di evitare soluzioni costose in termini sociali ed economici dovrebbe già, di per sé, essere motivo sufficiente ad incentivare chiunque a ragionare in termini di prevenzione e non più solo di riparazione del danno.

12345678
Copyright 2024 by Aconet
Back To Top