Search

spazio

 

Newsletter

Donna e mamma: una speranza anche per le ragazze affette da sindrome di Rokitansky

Donna e mamma: una speranza anche per le ragazze affette da sindrome di Rokitansky

Autore: Antonella Tuccia/domenica 2 giugno 2019/Categorie: Mondosalute Newsletter

Rate this article:
4.0

La sindrome di Rokitansky colpisce le donne affette da agenesia dell'apparato genitale: in parole più semplici, sono donne che sono nate senza utero e senza vagina.
Una sindrome abbastanza rara, che colpisce alla nascita una donna ogni 4 mila. La scoperta della malformazione coincide con l'età dello sviluppo, quando le ragazze attendono le prime mestruazioni, che non arrivano”, afferma Luigi Fedele, ginecologo del centro di cura delle anomalie dell'apparato genitale femminile dell'IRCCS ospedale San Raffaele di Milano.
Una volta riscontrata la malformazione, si pone il problema di cosa fare. “La prima è il recupero della funzione sessuale delle ragazze, per consentirne - spiega Fedele -, un normale sviluppo psico-affettivo, di sposarsi, di avere una famiglia”. Il centro di anomalie congenite femminili del San Raffaele effettua questo tipo di intervento con una tecnica mini invasiva, estremamente efficace anche in termini estetici “preservando la fertilità delle ragazze, con il prelievo contestuale degli ovuli durante l'intervento chirurgico”, racconta il direttore del centro, Massimo Candiani: “E' la prima esperienza mondiale di questo livello. Abbiamo operato circa una ventina di casi - prosegue -, quindi non più un'esperienza pionieristica”.
La conservazione degli ovuli, apre la strada alla soluzione di un secondo problema che si pongono la maggior parte delle donne che, pur affette da questo tipo di malformazione, desiderano essere madri, avere dei figli.

 

 

 “La possibilità ancora in fieri – spiega il professor Fedele - è quella del trapianto d'utero, che in alcuni paesi come la Svezia è già una realtà, ma in Italia non è ancora stato eseguito. Poi, l'ipotesi dell'adozione, e, come terza opzione, anche la possibilità di una gravidanza surrogata, cioè di utilizzare un utero in affitto”.
Il Centro di anomalie congenite femminili del San Raffaele è di recente costituzione, ma è il frutto di una lunga serie di studi nel corso di un periodo pluridecennale orientati alla terapia, alla diagnosi, al trattamento di numerose anomalie congenite dell'apparato genitale femminile. “Sono patologie che pongono lo specialista non avvezzo al trattamento di questa patologia in difficoltà nel tempo diagnostico o nella scelta terapeutica”, precisa Candiani. “Nel nostro contesto i pazienti trovano finalmente un trattamento globale, a 360 gradi”.

Nicola Vaglia

occhielloLa malformazione colpisce le donne affette da agenesia dell'apparato genitale
LayoutNormale
RubricaDOSSIER SALUTE/1
Print

Number of views (441)/Commenti (0)

Tags: #MSL001

Comments are only visible to subscribers.

Name:
Email:
Subject:
Message:
x

NELLA RETE

Aiop Giovani

Uehp
European Union
of Private Hospitals

F.I.S.O.P.A.
Federazione Italiana;
Società Scientifiche
Ospedalità Privata Accreditata

SSR

Società Scientifica della Riabilitazione

CONTATTACI

Associazione Italiana Ospedalità Privata
SEDE REGIONALE LOMBARDIA
Via Timavo, 24
20124 Milano 
Tel. 02 6682000

     


Privacy
Copyright 2021 by AIOP - Powered By
Back To Top